Torna Biennale Democrazia. Domani il via: 5 giorni nel segno della legalità

Biennale Democrazia arriva quest’anno in una data simbolo, «la» data simbolo: il ventennale della strage di Capaci, poco prima di quella di via D’Amelio. Alla memoria di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, sinonimi e simboli unificanti dell’Italia civile, è dedicata la manifestazione, Per la Legalità. «Forse mai come oggi, nel nostro Paese la legalità è scesa tanto in basso – dice Gustavo Zagrebelsky, presidente della Biennale -, e mai come in questo momento è urgente ripristinarne il senso e riaffermarne il valore».

E allora, dopo tanti incontri di avvicinamento, che hanno coinvolto migliaia di studenti e cittadini, ecco un ciclo di lezioni pubbliche, dal 19 al 23 maggio, darà voce ai protagonisti della vita culturale e civile, per riflettere sulla legalità come condizione necessaria per una convivenza libera e giusta. Sabato 19 maggio, al Teatro Carignano il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo incontra i giovani prima dell’inaugurazione dell’allestimento del Calendario della Legalità, in piazza San Carlo: 365 date per promuovere, diffondere e costruire un anno di legalità. Ogni giorno riporta alla memoria di persone, luoghi e avvenimenti. Nel pomeriggio alle 17,30 al Circolo dei Lettori, Pietro Buffa, Pietro Marcenaro, Luigi Manconi e Vladimiro Zagrebelsky discuteranno di legalità nelle carceri e negli altri luoghi di detenzione.

Domenica, alle ore 11 al Teatro Carignano, Gad Lerner dialogherà con Piero Fassino, Andrea Casalegno e Giancarlo Caselli di violenza politica 35 anni dopo la morte di Fulvio Croce e Carlo Casalegno. Al tema delle mafie nel nord è dedicato, alle 21 al Teatro Regio, l’incontro con Luigi Ciotti, Pietro Grasso e Maria Falcone. Di corruzione e dei suoi costi sociali parlerà Diego Gambetta il 21 maggio al Teatro Carignano alle ore 21. Tornano il 22 maggio, all’Auditorium della RAI, i Grandi Discorsi di Biennale Democrazia dedicati quest’anno alla legalità: letture di classici, a cura di Laura Morante, commentate da Massimo Gramellini, Tano Grasso e dal giudice Armando Spataro. Due i Ministri che, oltre a Profumo, contribuiranno alla riflessione: Paola Severino, Giustizia, lunedì 21 maggio alle 15 nell’ Aula Magna del Tribunale di Torino, ed Elsa Fornero, lavoro e Politiche Sociali, mercoledì 23 maggio alle 18 al Piccolo Regio Puccini.

Gli appuntamenti si concluderanno nella giornata del ventennale dalla strage di Capaci, mercoledì 23 maggio, in piazza San Carlo, con il concerto di Franco Battiato e con la partecipazione dell’Orchestra di Porta Palazzo. Tra gli ospiti della serata i protagonisti della lotta all’illegalità, Yvan Sagnet, leader della rivolta dei braccianti di Nardò, e Giovanni Tizian, autore di Gotica.

ELENA MASUELLI (AGB)

Via La Stampa

Per info: www.biennaledemocrazia.it

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


× cinque = 35

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>